Menu Chiudi

Quartetto Alfieri
Viaggio nella musica per quartetto d’archi

6 Agosto 2024 – ore 21:30 
Chiesa di Sant’Andrea

Quartetto Alfieri

Davide Moro, Matteo Baldoni – violini
Matteo Introna – viola
Sofia Bellettini – violoncello

Programma del concerto

J. Turina
Serenata per quartetto d’archi, Op. 87 (Spagna)

N. Paganini
Quartetto per archi no. 2 (Italia) 

A. Copland
Movimento per quartetto d’archi (Stati Uniti)

S. Prokofiev
Quartetto per archi no. 2 in fa maggiore, Op. 92 “Sui temi della Kabardia” (Russia)
 

Quartetto Alfieri

Il Quartetto Alfieri è un quartetto d’archi di recente formazione composto da giovani musicisti provenienti da diverse parti d’Italia. I quattro musicisti condividono un rapporto già dalle loro collaborazioni in ambienti accademici quali la Scuola di Musica di Fiesole, l’Accademia del Teatro alla Scala, l’Accademia di Musica di Pinerolo e il Conservatorio della Svizzera Italiana.
Il quartetto debutta ad aprile con una collaborazione con Gian Marco Ciampa alla chitarra presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra a Roma. Fanno della varietà stilistica uno dei loro punti forza, e il loro repertorio varia dalle sonate a quattro di Alessandro Scarlatti, alla musica contemporanea, come evidenziato da collaborazioni con compositori contemporanei quali Fabio Massimo Capogrosso. A loro è stato dedicato il Quartetto n. 2 di Paolo Catenaccio di cui hanno eseguito la prima assoluta.
Per proseguire sul filo delle collaborazioni, si sono esibiti in quintetto con il pianista Mario Montore in occasione dell’XI edizione del Garda Lake Festival. Sono stati ospiti in qualità di quartetto del Festival Ensemble Nuove Musiche di Savona e della rassegna dei Concerti dell’Accademia degli Sfaccendati di Ariccia.
Il quartetto attualmente si sta formando con il Quartetto Prometeo alla Scuola Internazionale di musica “Avos Project” di Roma e con Sergey Malov all’Università delle Arti di Zurigo.

Davide Moro, nato nel 1995, inizia lo studio della musica all’età di 6 anni. Frequenta il Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria, diplomandosi in violino con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del M. Riccardo Sasso. Successivamente ha frequentato l’Accademia del Talento di Desio seguito dal M. IakovZats. 

A settembre 2017 ha terminato il Master of Arts in Music Pedagogy presso il Conservatorio della Svizzera Italiana sotto la guida del maestro Pavel Berman per il violino ed Anna Modesti per la didattica. Si è perfezionato presso la Scuola di Musica di Fiesole prendendo la relativa borsa di studio con il M. Marco Fiorini. Ha frequentato diversi corsi di perfezionamento con maestri quali Feng Ning, VilehlmasCepinskis, Roman Fedchuk, Giacobbe Stevanato, Alejandro Carreno, Tamas Maior, SonigTchakerian, Giuliano Fontanella, Carlo Lazzari e con ensemble cameristiche quali l’Exnovo Ensemble, il Quartetto Bernini, il Nuovo Quartetto Italiano, Aldo Campagnari (Quartetto Prometeo) e Giovanni Gnocchi. Si è esibito in diverse rassegne musicali sia in veste solistica che cameristica, in Italia e all’estero. Ha suonato in occasioni quali PragueSummer Music Festival, Stresa Festival, Serate Musicali, Milano Musica, Festival Internazionale di musica da camera Suoni delle Madonie, Noto Music Festival, RaddaEstate, Amusicnet. Ha frequentato il biennio per professori di orchestra presso l “Accademia Teatro alla Scala” in qualità di Spalla e primo violino collaborando con artisti quali Zubin Metha, Ivan Fischer, Maurizio Pollini, Placido Domingo, Adam Fischer, PeterRundel, Davide Coleman e molti altri. Ha inoltre collaborato e collabora con I Solisti Aquilani, la Cairo Symphony Orchestra, Orchestra del Teatro Olimpico, Teatro Massimo Bellini. Svolge un’intensa attività cameristica: ha fondato il trio d’archi Quia Musica con il quale è stato premiato con il secondo premio al concorso internazionale Città di Padova per la sezione Musica da Camera. Primo Premio al concorso “Luciani” in duo con la sorella Sara Moro. Primo premio al concorso internazionale “Paolo Serrao” della città di Filadelfia, terzo premio al “Barlassina International Young Talents Competition. Molto attivo nella divulgazione della musica contemporanea, è membro stabile dell “Appassionato Ensemble” con la quale svolge intensa attività concertistica dedita esclusivamente a questo genere di repertorio. Insieme all’ensemble Forma Libera ha collaborato col canale Sky classica in una serie di trasmissioni incentrate sui compositori veneziani contemporanei. Ha avuto modo di rappresentare prime esecuzioni assolute di compositori quali Ivan Fedele, Luca Francesconi, Edoardo Dadone, Mehdi Khayami, SatoshiWakamatsu.

Sofia Bellettini ha iniziato lo studio del violoncello a cinque anni con il Maestro Luca Taccardi presso il Centro Musicale Suzuki di Milano, proseguendo poi gli studi con Cecilia Radic a Pavia e con Matteo Ronchini al Conservatorio di Milano, dove ha conseguito la laurea triennale con 110/110 e lode. In
seguito si è perfezionata alla Pavia Cello Academy sotto la guida di Andrea Agostinelli e Jacopo Di Tonno. Negli stessi anni ha frequentato Masterclass con Enrico Bronzi, Stefano Cerrato e Giovanni Scaglione. Nel 2022 ha completato il suo percorso accademico conseguendo il Master in Music Performance al Conservatorio della Svizzera Italiana con il Maestro Asier Polo.

Attualmente frequenta il corso di perfezionamento presso la Scuola di Musica di Fiesole con i maestri Francesco Dillon e Paolo Bonomini, e presso l’Accademia di Musica di Pinerolo con il maestro Luca Magariello.
Nel 2022 ha fondato il Quartetto Alfieri, col quale si sta perfezionando all’Avos Project di Roma con il Quartetto Prometeo.
Ha suonato con varie formazioni da camera al Castello Sforzesco, alla Pinacoteca di Brera, al Tempio Valdese di Milano, al Teatro Lirico di Magenta, al Teatro La Fenice di Venezia e al Festival della Musica di Todi in duo con la pianista Aki Kuroda. Ha partecipato inoltre all’esecuzione integrale dell’Estro Armonico di Vivaldi sotto la direzione di Ottavio Dantone. Nel 2014 si è esibita come solista nel concerto No. 1 di Haydn al Teatro Fraschini di Pavia.
Ha frequentato il Corso per professori d’orchestra presso l’Accademia del Teatro alla Scala con la quale ha partecipato a varie produzioni delle stagioni scaligere 2017/2018 e 2018/2019, in collaborazione con Maestri quali Diego Fasolis, Ivan Fischer, Fabio Luisi, Zubin Metha, Daniel Oren e Maurizio Pollini. Durante questa stagione è stata scelta per eseguire la parte di violoncello solo di basso continuo nell’opera “Prima la musica poi le parole” di A. Salieri diretta da Ádám Fischer al Teatro alla Scala. Sempre al Teatro alla Scala, nella stagione 2021/2022, ha partecipato come violoncello solista sul palco al balletto “Largo” eseguendo brani dalla prima Suite di Bach per la coreografia di Matteo Levaggi.
Ha collaborato inoltre più volte con l’Ensemble Bernasconi, specializzato nell’esecuzione della musica del XX secolo, con il quale ha di recente partecipato al 68° Festival Puccini a Torre del Lago Puccini eseguendo lʼopera “Jakob Lenz” di Wolfgang Rihm sotto la direzione di Marco Angius.
Attualmente collabora con I Solisti Aquilani.
Ha partecipato a numerose tournée in Algeria, Arabia Saudita, Cina, Germania, Oman e negli Stati Uniti.

Matteo Baldoni nasce a Recanati nelle Marche e comincia giovanissimo lo studio del violino. A soli 17 anni si diploma al conservatorio di musica di Fermo con il massimo dei voti e la menzione, sotto la guida del M°Luca Marziali. Prosegue i suoi studi prima presso l’Accademia di Musica di Pinerolo, dove si perfeziona con Dora Schwarzberg, e a seguire con il M°Marco Fiorini al Conservatorio di Roma.

Musicista flessibile, i suoi interessi vanno dall’antico al contemporaneo, suona il violino barocco e ha collaborato con compositori contemporanei quali Marco Attura, Fabio Massimo Capogrosso e altri. Attivo nella musica da camera si esibisce in formazioni con musicisti quali Kevin Spagnolo, David Romano, Mario Montore, le Sorelle Labeque, Massimo Spada, Alessio Pianelli, Giuliano Mazzoccante, Mirei Yamada, registrando anche per etichette, tra le altre Sony Classical.
Si è esibito in sale quali il Teatro alla Scala di Milano, l’Auditorium Verdi di Milano, il Maggio Musicale Fiorentino e il Teatro dell’Aquila di Fermo.
Porta avanti dal 2023 il Quartetto Alfieri, fondato con altri giovani musicisti italiani, che attualmente si sta formando con il Quartetto Prometeo a Roma.
E’ stato prima parte in molte orchestre giovanili, tra cui l’OGI e l’Accademia del Teatro alla Scala, la Filarmonica di Benevento, e ha collaborato con ensemble e orchestre quali il Colibrì di Pescara, I Solisti Aquilani, l’Orchestra Sinfonica Rossini di Pesaro, l’Accademia degli Sfaccendati.
Al momento prosegue I suoi studi all’Università delle Arti di Zurigo sotto la guida del M°Alexander Sitkovetsky, dove studia anche violino Barocco con il M°Monika Baer.

Matteo Introna nasce a Napoli nel 2000. Consegue la laurea di primo livello con lode in viola al Conservatorio di Napoli San Pietro a Majella, studiando con i Maestri Andrea Maini, Alessandro Santucci e Piero Massa.

Attivo nella musica da camera, dal 2021 è ospite di diversi Festival: IV edizione del festival estivo della Iuc – Istituzione universitaria dei concerti a Roma, Festival ” I Tramonti di Tinia” a Sutri (VT), Villa Pennisi in Musica ad Acireale (CT), CastelCello a Brunnenburg – Tirolo, Camerata Ducale a Vercelli, Rai radio 3  – collaborando con musicisti come Alessandro Carbonare, Bruno Canino, Andrea Obiso, Alessio Pianelli, Mario Montore, David Romano, Mirei Yamada, Massimo Spada, Francesco Dillon, Giulio Rovighi, Diego Romano, Riccardo Savinelli, Simone Bernardini, Luca Sanzò.
Segue corsi di alto perfezionamento in viola con i Maestri Riccardo Savinelli e Luca Ranieri oltre a Masterclasses con Danusha Waskievicz e Timothy Ridout e un corso di perfezionamento di musica da camera con il quartetto Prometeo presso la Scuola di Musica Internazionale Avos Project di Roma.
Partecipa a diverse edizioni del Festival di Villa Pennisi in Musica, ad Acireale (CT), seguendo i corsi di alto perfezionamento in viola con il M° Raffaele Mallozzi e al Livorno Music Festival, seguendo il corso di alto perfezionamento in viola con il M° Anna Serova.
Dall’autunno 2018, collabora come violista con la Nuova Orchestra Scarlatti.
Spalla delle viole dell’Orchestra Scarlatti Young, esibendosi come solista numerose volte in italia e all’esterno.
Nel 2020, è spalla delle viole dell’Orchestra Giovanile Italiana.