Menu Chiudi

LEVANTO

 

Difficile parlare di un amore immenso per un luogo di storia, architetture, natura, persone e tanta, tanta, bellezza.

Con le spalle alla vallata, si gode lo spettacolo BLU: il mare, le spiagge opera dell’uomo, con la sapienza della italica ingegneria ferroviaria, i tramonti, ogni giorno uno spettacolo diverso di sole, nuvole e cielo, di grande professionalità registica, ma anche gli orizzonti, le terre e i monti, le alpi marittime, le isole toscane.
Con le spalle al mare, lo spettacolo VERDE: gli ulivi, le vigne, i boschi, gli orti, la corona dei borghi e i colori intensi, cangianti in autunno e con i lampi di sole sulle foglie ingiallite, tra la Rossola, il Bardellone e il Mesco.
Le architetture rurali, tutte da scoprire camminando in vallata, le architetture Liberty, le architetture razionaliste del ventennio, l’imponenza degli innumerevoli giardini e parchi e del “feudo” Agnelli, le architetture degli anni ’60, per gli amanti del genere e tanta, tanta storia: archeologia, cultura materiale, la torre, le mura, il castello, il porto canale, la loggia, la chiesa di Sant’Andrea, l’oratorio di San Giacomo, il convento dell’Annunziata, l’Ospitalia, la porta dell’acqua, via Guani, via Garibaldi, lo stagno, le ville e molto altro.

Un elenco di bellezze assai lungo.

E le persone che la vivono, diverse età, diverse storie, diversa affezione, diverse economie. Tra nostalgia, tradizioni, innovazione e futuro. Un cammino ancora incerto…

Un turismo da rivisitare, tra qualità e quantità.
Un associazionismo attivo e propositivo di volontariato in molti campi.
Una radio, un liceo scientifico, asili per i tanti bimbi, una sanità di lotta, sempre da migliorare.
La maestra del pesto, lo scultore, le confraternite, il clero, un libraio che resiste, gestori di bar … interessanti.

Non manca nulla per una vita piacevole, da residente oppure da ospite: una accoglienza ligure, una enogastronomia di qualità e locale, varia, proprio per tutti i gusti.