Menu Chiudi

Duo Renda-Trucco Virtuosismi
Quattro secoli per due chitarre

18 Luglio 2024 – ore 21:30 
Chiesa di Sant’Andrea

I VIOLONCELLI DEL MOZARTEUM

VALERIE FRITZ
ENRICO MIGNANI 
LEONARDO NOTARANGELO
GIACOMO FURLANETTO
DOUWE EISSES
EVA SÁNCHEZ VEGAZO
IGNACIO GARCIA NUÑEZ
GIOVANNI GNOCCHI

Programma del concerto

Fabio Renda – Beniamino Trucco

chitarre classiche

Virtuosismi

Quattro secoli per due chitarre

 

Prima parte

 

Alvaro Company (1931 – 2022)

Un’immagine (pensando a Schubert) Op. 24 (1978)

Giorgio Colombo Taccani (1961)

A perfect beat of (2011)

Napoléon Coste (1805 – 1883)

Grand Duo

Allegro – Andante – Barcarolle – Finale. Allegro

 

Seconda parte

 

Domenico Scarlatti (1685 – 1757), trascr. Alexandre Lagoya (1929 – 1999)

Sonata K 173

Azio Corghi (1937 – 2022)

Consonancias y Redobles (1973)

Giorgio Gaslini (1929 – 2014)

Libras (2014)

Gioacchino Rossini (1792 – 1868), trascr. Mauro Giuliani  (1781 – 1829)

Sinfonia dall’opera “Elisabetta Regina d’Inghilterra”

VALERIE FRITZ – Austriaca del Tirolo, ha vinto il 1° Premio al Berlin Prize for Young Artists e al Concorso “E. Mainardi” di Salisburgo, ed ha ricevuto l’Ernst von Siemens Musikstiftung Ensemble Preis e l’Award dell’Académie Jaroussky Paris. Suona regolarmente con la Camerata Salzburg e da anni ha approfondito un serio impegno nella musica contemporanea che la vede membro dell’Ensemble NAMES e che l’ha portata a collaborare con compositori come Helmut Lachenmann, Georg Friedrich Haas e Thomas Larcher. É stata selezionata dalla European Concert Halls Organization, su presentazione della Elbphilharmonie di Hamburg, e inserita nella serie “ECHO – Rising Stars”, e dal 2024/25 terrà concerti solistici nelle principali sale europee. 

ENRICO MIGNANI – Nato a Bologna, ha vinto audizioni ed é stato invitato a suonare nelle orchestre del Teatro Comunale di Bologna, Arena di Verona, Teatro Petruzzelli di Bari, nella Camerata Salzburg e come concertino all’Orchestra della Toscana. Ha suonato come solista in Israele e in Libano all’Al Bustan Festival diretto da Paolo Olmi, e con “Am Rande des Abgrunds” di Sofia Gubaidulina in concerti al Mozarteum di Salisburgo,“Trame Sonore” di Mantova e SpazioNovecento a Cremona. Da anni studia composizione ed é seguito da Simone Fontanelli

LEONARDO NOTARANGELO Nato a Roma, suona regolarmente con LaFil di Milano, l’Orchestra Haydn di Bolzano, Camerata Ducale di Vercelli. 1° Premio e premio come miglior violoncellista 2022 al Concorso “Premio Crescendo” di Firenze, recentemente é stato 2° idoneo all’audizione per violoncello di fila per l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, e 3° idoneo come concertino all’ORT-Orchestra della Toscana, nel 2023 ha vinto la borsa di studio (unico strumentista premiato in tutti gli archi) come academista nell’Orchestra da Camera di Mantova con cui suona anche in formazioni cameristiche. 

GIACOMO FURLANETTO – Nato a Padova, ha vinto numerosissimi premi in Italia, già giovanissimo si è esibito come solista con l’Orchestra Maderna di Forlì, con I Musici di Parma, l’orchestra Sinfonica Abruzzese e molte altre formazioni, anche assieme a Massimo Polidori. 

DOUWE EISSES – Olandese di Delft, 1° Violoncello della Youth Orchestra Netherlands, ha vinto il 2° Premio al Britten Cello Competition, si é già esibito come solista in importanti sale come il Concertgebouw di Amsterdam.

EVA SÁNCHEZ VEGAZO – Catalana di Barcellona, diplomata al New England Conservatory di Boston, ha suonato nell’Orchestra dello Schleswig-Holstein Festival sotto la direzione di Christoph Eschenbach, Ton Koopman e Michael Sanderling in sale come la Elbphilharmonie di Amburgo e molte altre.

IGNACIO GARCIA NUÑEZ – Spagnolo di Pamplona, premiato al Concorso “Enrico Mainardi” di Salisburgo, si é esibito come solista con le orchestre Sinfonica Pablo de Sarasate, 430 Vigo, CSMA Philharmonic, JOSS. Collabora con il Balthasar Neumann Ensemble per concerti in Germania e Francia, la Berliner Kammerphilharmonie, Liceo de La Habana Orchestra a Taiwan e preso parte al Manchester Music Festival negli USA. Studia anche prassi barocca con Reinhard Goebel.

“I VIOLONCELLI DEL MOZARTEUM” è un gruppo di giovani ma già affermati musicisti, studenti della prestigiosa università di Salisburgo, guidati e diretti da Giovanni Gnocchi, ispirato dal modello di Sándor Végh con la sua Camerata Salzburg. In questi anni si sono resi protagonisti individualmente nei maggiori concorsi internazionali di tutta Europa e Stati Uniti, con orchestre di profilo internazionale e suonando accanto a celebri solisti. Come gruppo di violoncelli hanno tenuto concerti importanti in Austria ed Italia, esibendosi al Mozarteum di Salisburgo, al Festival “Trame Sonore” di Mantova, a “SpazioNovecento” di Cremona, riscuotendo un successo anime e travolgente, e proponendo sempre un repertorio unico, che unisce a raffinate rarità alcune delle pagine più popolari del Wiener Klassik e delle più celebri colonne sonore di film hollywoodiani: concerti con musiche di Monteverdi, Gesualdo e John Dowland accostate a pagine di Pierre Boulez, Krzysztof Penderecki e Sofia Gubaidulina, per finire con gli evergreen di Morricone, Hans Zimmer, Piazzolla o Carlos Gardel. I Violoncelli del Mozarteum si rendono protagonisti anche di concerti che sfruttano in palcoscenico in maniera coreografica e spazialmente originale, instaurando con il pubblico un dialogo diretto, ironico e coinvolgente.

GIOVANNI GNOCCHI, professore al Mozarteum dal 2013, svolge attività concertistica in tutto il mondo, esibendosi come solista sotto la direzione di Gustavo Dudamel, Umberto Benedetti Michelangeli, Alexander Lonquich, Alexander Shelley, Michele Spotti, in contesti come l’Arts Festival di Hong Kong, BeethovenFest di Bonn, Wiener Konzerthaus, Liederhalle di Stuttgart, la Mozart Woche di Salzburg, Esplanade di Singapore, con la Camerata Salzburg, Orchestra da Camera di Mantova, Filarmonica della Fenice di Venezia, Zagreb Philharmonic Orchestra, Orchestra Giovanile Italiana, North Czech Philharmonic, Orquesta Filarmónica de Jalisco. Protagonista in concerti da camera con Mischa Maisky, Martha Argerich, Leonidas Kavakos, Mario Brunello, i membri del Quartetto Hagen, Andrea Lucchesini, Ilya Gringolts, Elizabeth Leonskaja, Alena Baeva, ha registrato per Deutsche Grammophone e a breve usciranno l’integrale dei concerti di Haydn e un recital sullo Stradivari 1710 “Stauffer” di Cremona.

Duo Renda-Trucco
Quattro secoli per due chitarre

18 Luglio 2024 – ore 21:30 
Chiesa di Sant’Andrea

Duo Renda-Trucco

Fabio Renda, Beniamino Trucco – chitarre classiche

Programma del concerto

“Quattro secoli per due chitarre”

Prima parte

Alvaro Company (1931 – 2022)
Un’immagine (pensando a Schubert) Op. 24 (1978)

Giorgio Colombo Taccani (1961)
A perfect beat of (2011)

Napoléon Coste (1805 – 1883)
Grand Duo
Allegro – Andante – Barcarolle – Finale. Allegro

Seconda parte

Domenico Scarlatti (1685 – 1757), trascr. Alexandre Lagoya (1929 – 1999)
Sonata K 173

Azio Corghi (1937 – 2022)
Consonancias y Redobles (1973)

Giorgio Gaslini (1929 – 2014)
Libras (2014)

Gioacchino Rossini (1792 – 1868), trascr. Mauro Giuliani (1781 – 1829)
Sinfonia dall’opera Elisabetta Regina d’Inghilterra

Duo Renda-Trucco Virtuosismi

Fabio Renda e Beniamino Trucco iniziano a suonare la chitarra entrambi giovanissimi e si incontrano negli ultimi anni di studi nella classe di Paolo Garganese presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino, dove si diplomano entrambi con il massimo dei voti. Sempre a Torino continuano gli studi conseguendo brillantemente il diploma accademico di II livello nel 2014 e l’abilitazione per l’insegnamento l’anno successivo. Dal 2017 sono insegnanti di chitarra di ruolo nella scuola media a indirizzo musicale e nel liceo musicale.

Il duo nasce nel 2014 e si è formato studiando con Marco Zuccarini, Carlo Bertola, Frédéric Zigante, Massimo Lonardi, Matteo Mela, Lorenzo Micheli e Oscar Ghiglia.
Ha frequentato dal 2020 al 2023 i corsi dei MM° Oscar Ghiglia ed Eliot Fisk presso la prestigiosa Accademia Musicale Chigiana di Siena, ottenendo ogni anno il “Diploma di merito” che viene conferito ai migliori allievi. Nel 2021 ha inoltre ricevuto una menzione d’onore nell’ambito del Premio “Giovanna Maniezzo” che viene assegnato dall’Accademia all’allievo o all’ensemble che abbia dimostrato particolare attitudine e capacità nel promuovere la propria attività artistica e nella comunicazione con il pubblico.
Nel 2022 i due chitarristi hanno conseguito con lode il master di perfezionamento post-diploma in Music Performance and Interpretation presso il Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano, dove hanno studiato sotto la guida di Lorenzo Micheli.

Il Duo Renda-Trucco è in attività da quasi dieci anni e si è affermato distinguendosi in numerosi concorsi musicali, ottenendo il I premio assoluto nelle seguenti competizioni: 13° concorso chitarristico “Città di Voghera”, X Premio Crescendo (Premio Franco Zeffirelli), V Concorso chitarristico “Villa Oliva”, XVII Concorso Internazionale Musicale Città di Pesaro (ex-aequo), 4° Concorso Internazionale di Esecuzione musicale “Città di Sarzana” (ex-aequo), 3° Florence International Guitar Competition, 7° Concorso Internazionale “Nilo Peraldo Bert”, 3° International Guitar Competition “Ida Presti” (Croazia), 26° Concorso Chitarristico Nazionale “Giulio Rospigliosi”, Concorso Chitarristico Internazionale “Omaggio a Niccolò Paganini” 2022, 3° Concorso internazionale di interpretazione di musica contemporanea “Reate Festival” (ex-aequo), 14° Concorso Musicale Internazionale “Francavilla Fontana”.

Il duo è stato invitato a esibirsi da diversi festival ed enti culturali, fra cui si ricordano il Festival internazionale MITO SettembreMusica, gli Amici della musica di Gressoney, gli Amici dell’Opera di Pistoia, gli Amici della musica di Catanzaro, l’Accademia Filarmonica di Messina, Trieste Classica, il Festiv’Alba, la rassegna La Magia del Borgo di Brisighella (RA), l’Ossola Guitar Festival e il Florence Guitar Festival; ha inoltre partecipato alla rassegna Giovani talenti musicali italiani nel mondo, organizzata dall’Accademia Chigiana, tenendo un concerto presso l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi.

Nel 2018 Fabio Renda e Beniamino Trucco hanno pubblicato con la casa editrice Volonté & Co. una raccolta di trascrizioni per due chitarre di brani tratti dalla letteratura pianistica intitolata Grandi Compositori per Duo di chitarre. Miniature d’autore. Entrambi i chitarristi sono artisti D’Addario dal 2023, mentre dal 2016 suonano chitarre modello XXX anniversario del rinomato liutaio granadino Paco Santiago Marin.